Yamaha, Viñales: “Mi sento bene sulla moto, contento della seconda fila”. Rossi: “Ho pagato due errori”

22 Agosto 2020 - 19:37
|
GP Stiria 2020

Le parole dei piloti del team ufficiale, protagonisti di qualifiche difficili: lo spagnolo partirà dalla seconda fila mente Rossi è scivolato nel Q1 e scatterà addirittura dalla quinta fila




Un sabato piuttosto complicato per la Yamaha ufficiale nelle qualifiche del Gran Premio di Stiria. Viñales, poleman sette giorni fa sullo stesso circuito, oggi è sesto, mentre Rossi indietreggia ancora di più rispetto alla settimana scorsa, non ha superato la tagliola del Q1 ed è 15°. Entrambi, sulla griglia di domani, guadagneranno una casella, in virtù della penalità comminata a Zarco per l’incidente con Morbidelli, con il francese che da terzo in qualifica partirà dalla pit lane.

Maverick Viñales non è riuscito ad agguantare la prima fila, obiettivo dichiarato alla vigilia di questa qualifiche, ma visto il grande livellamento (i primi dieci sono racchiusi in soli 286 millesimi) non butta via la sesta posizione (che sarà la quinta in griglia): “La seconda fila in griglia è buona. Considerando le condizioni della pista e il livello dei nostri avversari, non è male, sono abbastanza contento“, afferma Top Gun. “Domani sarà una gara dura perché la maggior parte dei piloti ha lo stesso ritmo. Dobbiamo cercare di superare all’inizio e cercare di capire dove siamo più veloci. Mi sento davvero bene sulla moto. Questo fine settimana utilizziamo un assetto molto diverso, cercando di capire se è migliore per la gara, ma non lo sapremo con certezza fino a domani. Lo proveremo e vedremo. È bello provare qualcosa di diverso in questo secondo GP in Austria, perché possiamo facilmente confrontare i dati e vedere se stiamo andando nella giusta direzione o no”.

Per Valentino Rossi invece, la 14° posizione in griglia non favorirà le possibilità di una gara di testa. Il pesarese, nel suo ultimo giro lanciato del Q1, era sul filo dei millesimi per giocarsi l’accesso in Q2, ma è scivolato alla penultima curva. Un errore che, combinato con quello di stamattina nelle FP3, ha pregiudicato pesantemente in suo sabato. Rossi spiega così la sua giornata (ed i suoi errori): “Purtroppo ho commesso un errore alla curva 9. Credo di aver toccato la linea bianca, che non era pulita a causa dell’incidente di Masia con l’olio nella classe Moto3, quindi ho perso l’anteriore. Anche questa mattina ho commesso un errore mentre stavo facendo un buon giro e sono dovuto andare in Q1. In quella sessione è molto difficile, perché tutti spingono molto e i tempi sul giro sono simili a quelli della Q2, quindi non è facile”.

Nonostante la brutta qualifica, il Dottore è convinto di dire la sua con il passo gara di cui dispone: “Partire dalla 14° posizione in griglia sarà difficile, ma il mio passo gara non è così male, sono abbastanza veloce e costante. Penso che ci siano quattro o cinque piloti che sono più veloci, ma siamo lassù con gli altri. Questa non è la nostra pista migliore, è difficile qui con la Yamaha, ma il ritmo non è poi così male, sono abbastanza forte. La corsa è lunga. Dobbiamo fare tutto bene, cercando il massimo sin dall’inizio della gara”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © yamaha-racing.com

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: