Yamaha, Viñales: “Abbiamo trovato cose positive”. Rossi: “È difficile fare il tempo”

21 Agosto 2020 - 19:57
|
GP Stiria 2020

Le parole dei piloti Yamaha, costretti ad inseguire all'inizio del secondo weekend austriaco con lo spagnolo nella parte bassa della Top 10 (8°) e Rossi momentaneamente fuori (13°)




Venerdì impegnativo per le Yamaha ufficiali nella seconda gara in Austria, per il Gran Premio di Stiria. Rossi e Viñales si sono concentrati molto di più sul passo gara, tallone d’Achille dello scorso weekend, che sul giro secco. Non a caso, nella classifica combinata (a dire il vero molto corta) al termine delle FP3, Top Gun è ottavo, mentre Rossi è 13° a poco più di un decimo dalla decima piazza utile a passare il primo taglio domattina.

Che è l’obiettivo primario per Maverick Viñales per la giornata di domani. Nella giornata odierna lo spagnolo ha invece continuato a provare modifiche di set-up per non soffrire in gara come domenica scorsa: “Oggi abbiamo cercato di lavorare molto sull’assetto gara, perché l’ultima volta in gara abbiamo sofferto molto rispetto alle sessioni di prove libere”, ha dichiarato. “Domenica scorsa non avevo proprio un buon feeling, soprattutto all’inizio di ‘Gara 2’, quindi oggi stavamo cercando di trovare delle strade per essere migliori e concentrarci meno sulla nostra posizione nelle prove libere. Abbiamo trovato alcune cose positive. Non siamo ancora del tutto dove vogliamo essere, ma a poco a poco stiamo andando avanti, e questa è la cosa più importante”.

Come anticipato, per domani Maverick ha le idee chiare: “Per domani ci concentreremo sull’ottenere un passaggio in Q2, poi nelle FP4 lavoreremo di nuovo in preparazione per la gara. Qui è molto importante partire dalla prima fila. La scorsa settimana mi sono assicurato la pole position, e questo è stato molto positivo per la gara, quindi è quello che dobbiamo fare di nuovo: essere in prima fila è il nostro obiettivo principale per domani”.

Valentino Rossi, come spesso succede al venerdì, è un po’ più indietro rispetto al compagno di squadra. Oltre ad essere fuori dal Q2 provvisorio, il pesarese lotta con la gestione del numero degli pneumatici (che gli ha pregiudicato la qualifica scorsa) e alcune modifiche di set-up che al momento non sembrano funzionare. “Il problema più grande oggi è stato che abbiamo provato a fare il time attack nel pomeriggio, ma l’asfalto segnava più di 50 gradi ed è stato difficile migliorare il tempo sul giro di questa mattina. Abbiamo fatto un solo time attack nelle FP2, perché siamo sempre al limite con la quantità di gomme, come tutti gli altri. Ci auguriamo che domani nelle FP3 avremo una sessione asciutta. Di solito la mattina è un po’ più fredda, quindi puoi andare più veloce. Quindi domani mattina sarà fondamentale cercare di entrare nella top 10. Ci proveremo!

Rossi sembra più tranquillo sul passo gara, anche se sa che una buona qualifica è imprescindibile: “Per quanto riguarda il mio passo, non siamo così male, ma come sempre ci sono molti piloti che sono molto forti. Oggi abbiamo lavorato per migliorare rispetto alla settimana scorsa, ma non siamo riusciti a trovare qualcosa che ci desse un passo migliore”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © yamaha-racing.com

Non ci sono commenti