Ducati | Petrucci: “Qualifica abbastanza positiva” – Dovizioso: “Sono davvero contrariato”

18 Ottobre 2020 - 2:39
|
GP Aragona 2020

Le dichiarazioni dei piloti Ducati al termine delle qualifiche del Gran Premio di Aragon




Il team Ducati archivia il sabato del Gran Premio di Aragon con l’8° posto di Danilo Petrucci e il 13° di Andrea Dovizioso. Il ternano conferma i passi in avanti sia in termini di autostima che di adattamento alla moto; il forlivese, di contro, mette a nudo le svariate difficoltà a cui sta andando in contro, non solo di mero tipo agonistico. La tensione all’interno del box, infatti, è salita alle stelle subito dopo il termine del Q1, a causa di una gestione delle uscite dei piloti apparsa, ai più, un po’ dubbia. Petrucci, sfruttando la scia di Dovizioso – concretamente ancora in lotta per il Mondiale – in ben due occasioni, l’ha scalzato assieme a Miller dal passaggio del turno, scatenando una furiosa – e atipica – reazione del #04.

Danilo Petrucci, 8°: “E’ stata una qualifica abbastanza positiva anche se purtroppo non sono riusciti a ripetere in Q2 il tempo che avevo ottenuto in Q1. Purtroppo soffriamo ancora nella gestione del posteriore e non abbiamo ancora individuato il setup ideale, perciò domattina dovremo lavorare per cercare di trovare una soluzione efficace. Non sarà una gara facile per me, ma almeno la mia posizione di partenza non è così male“.

© motogp.com

Andrea Dovizioso, 13°: “Sono davvero contrariato per come è finita la qualifica di oggi. Dopo un inizio difficile, al quale si è sommata la caduta di questa mattina, finalmente eravamo riusciti a trovare la strada giusta per poter fare un buon fine settimana. Mi sentivo bene in Q1, ero riuscito a fare un buon tempo e pensavo di poter fare altrettanto bene in Q2. Alla fine ho un buon passo, ma partire in quinta fila domani sarà un grande limite, considerando il calo che avranno sicuramente le gomme in gara“.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © motogp.com

Non ci sono commenti