Ai titoli di coda l’avventura di Jakub Kornfeil nel motomondiale

21 Gennaio 2020 - 0:38
|

Il pilota ceco abbandona il circus dopo 11 anni di militanza. Troppo rilevanti i problemi economici, che annullano un accordo in essere col team BOE Skull Rider




Termina dopo 182 gare, 5 podi, 1 pole position e un volo in quel di Le Mans, fra 125 e Moto3, il cammino di Jakub Kornfeil nel motomondiale. Un ritiro non dettato dall’età o dalla mancanza di motivazioni, bensì dal motore invisibile, spregiudicato e “silenziosamente rumoroso” che manda avanti l’intera baracca: i soldi. Sarebbero infatti dei problemi economici a mutilare la stagione 2020 del promesso sposo al team BOE Skull Rider. L’accordo tra le due parti, raggiunto – secondo indiscrezioni – verso settembre, viene così vanificato, lasciando Kornfeil a terra dopo undici anni ininterrotti di presenza nella categoria cadetta.

L’amarezza nelle parole del 26enne di Kyjov, affidate ad una serie di stories pubblicate su Instagram, tende ad assumere le sembianze dell’incredulità. La certezza di concludere la stagione, come d’incanto, si è tramutata nella consapevolezza di chiudere la carriera: “Alla fine della scorsa stagione a Valencia ero pienamente consapevole di aver completato l’ultima gara del 2019. Non avrei mai immaginato che questa sarebbe stata la mia ultima gara nel Mondiale! Informo così che la mia carriera come motociclista professionista si è conclusa. Lascio uno sport che ho amato e che mi ha riempito e che mi ha reso disposto a rischiare ogni fine settimana di gare”.

© motogp.com / Le Mans, 2018

Una dichiarazione che pare, ingenuamente, estemporanea, consegnata al pubblico di fede motociclistica senza avvisi di ricevuta. E che cela, purtroppo, la ragione “positiva”, che nulla ha di positivo, dell’abbandono: problemi economici vincolanti per 2/3 della stagione. “Iniziare la stagione con un budget diverso da quello che avevo fissato per la stagione, vivendo nell’incertezza, sapendo che forse sarei riuscito a competere fino alla gara del Mugello in Italia… Credetemi, non ne valeva la pena. Dopo anni di gare, un atleta professionista ha bisogno di correre con la mente libera e la giusta tranquillità per conquistare buoni risultati a livello professionale”.

© motogp.com / Assen, 2019

Un addio quello di Kornfeil che, a margine di ringraziamenti di circostanza e non, concede spazio ad una importante e per nulla scontata presa di consapevolezza: “Mi sento comunque un vincitore, anche se non ho vinto il mondiale. Ho sempre cercato di dare il massimo sia dentro la pista che fuori”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © © motogp.com

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: