Nobuharu Matsushita vince una pazza gara a Barcellona!

15 Agosto 2020 - 18:39
|
GP Spagna 2020

Il giapponese trionfa partendo dalla 18° posizione in una gara caotica. Shwartzman torna sul podio davanti a Zhou e Tsunoda. Solo quinto Ilott davanti a Schumacher




La Feature Race della Formula 2 a Barcellona si può tranquillamente definire una delle gare più belle degli ultimi anni della serie, una gara pazza che nel finale ha regalato tantissimi colpi di scena e un vincitore a sorpresa che risponde al nome di Nobuharu Matsushita, scattato dalla 18° posizione sulla griglia di partenza!

Il pilota della MP Motorsport è scattato con le gomme dure provando la strategia alternativa, che prevede il passaggio alle gomme più morbide nella fase finale di gara dopo un lungo stint iniziale. Ma la Safety Car entrata in pista al 26° giro per il ritiro di Giuliano Alesi, finito in testacoda dopo un contatto con Sean Gelael e rimasto poi piantato in mezzo alla pista, ha completamente stravolto le carte in tavola, con i piloti che avevano le gomme dure sin dal via che ne hanno approfittato per passare alle gomme morbide, e qualcuno tra coloro che avevano già fatto il cambio gomme ha optato per effettuare un secondo pit-stop, visto l’eccessivo degrado delle gomme sotto il caldo del circuito spagnolo.

Ne è uscita fuori una ripartenza incredibile, con Yuki Tsunoda al comando che ha preferito non fare il secondo pit-stop durante la neutralizzazione davanti a Callum Ilott, che invece ha effettuato il secondo cambio gomme. Matsushita, terzo al momento del restart, ha approfittato della titubanza di Ilott nell’attaccare Tsunoda e ha affondato il colpo sull’inglese al 30° giro dando vita ad un duello spettacolare che ha visto i due fianco a fianco per metà giro prima che il giapponese avesse la meglio, con Ilott costretto ad alzare il piede e a perdere la posizione anche da Robert Shwartzman. Al 32° giro Matsushita sfrutta il DRS e supera Tsunoda per la testa della corsa, con Shwartzman che lo segue nella manovra di sorpasso portandosi in seconda posizione, poco prima che la Safety Car venisse nuovamente chiamata in causa per l’incidente di Roy Nissany in curva 4.

Dopo l’ultima neutralizzazione, Matsushita e Shwartzman scappano via nell’ultimo giro di gara e il giapponese conquista così un’incredibile vittoria, la sua quinta in Formula 2, dopo aver guidato in maniera impeccabile, sia nella gestione delle gomme che nella bagarre finale. Per Shwartzman quello di oggi è un ottimo secondo posto, capace di rilanciarlo in campionato dopo i due sofferti round di Silverstone. Alle spalle del pilota russo nell’ultimo giro si è scatenata un’incredibile bagarre per il terzo posto risolta oltre la bandiera a scacchi, con Guanyu Zhou che eredita il terzo posto dopo una penalità di 5 secondi inflitta a Nikita Mazepin per non essere rientrato in pista correttamente dopo essere andato oltre la linea bianca in curva 2 mentre era in bagarre con Matsushita: il russo della Hitech GP retrocede così in 13° posizione.

Yuki Tsunoda chiude in quarta posizione emergendo dalla volatona finale che ha coinvolto anche il leader del campionato Callum Ilott, solo quinto al traguardo e forse troppo accorto e mai incisivo nella bagarre, pensando principalmente a portare a termine la corsa per il bene del suo campionato. Sesto posto per Mick Schumacher, autore di un’ottima partenza con le gomme dure ma poi in netta difficoltà con il degrado di esse. Settimo Felipe Drugovich, danneggiato con il secondo pit-stop effettuato in ritardo nella neutralizzazione, davanti a Luca Ghiotto che oggi ha chiuso in ottava posizione e domani scatterà dalla pole position per via dell’inversione della griglia. Dan Ticktum e Louis Deletraz completano la zona punti, con Christian Lundgaard ad un passo dalla decima posizione dopo una gara difficilissima trascorsa sempre in fondo alla classifica.

La classifica del campionato dopo questa Feature Race vede ancora Ilott in testa con 120 punti, con Shwartzman che ritorna in seconda posizione a quota 103. Perde terreno Lundgaard, scivolato in terza posizione e fermo ad 87 punti davanti a Guanyu Zhou, quarto a quota 76, e Tsunoda, quinto a quota 74.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © FIA Formula 2 / Official Twitter Page

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: