Chase Carey difende le decisioni prese sulla cancellazione del GP Australia

13 Marzo 2020 - 14:17
|
GP Australia 2020

Il CEO della Formula 1: "Una settimana fa la situazione era diversa. Sono tempi difficili, ma abbiamo preso le decisioni giuste".




Dopo le ultime pazze ore trascorse tra la mattinata di Melbourne e la notte italiana, il GP Australia di Formula 1 è stato ufficialmente cancellato. La gara, che sembrava dovesse svolgersi regolarmente, è stata annullata per i recenti casi di Coronavirus nel paddock. Tra di essi c’è un membro della McLaren che è stato trovato positivo al tampone, con il team che ha deciso di muoversi per prima, annunciando la sua non-partecipazione al week-end. Chase Carey, che è arrivato poco fa dal Vietnam, ha difeso tutte le mosse prese dall’iter, criticato per la mancanza di comunicazione e una cancellazione che poteva arrivare molto prima e non a poche ore dalla prima sessione di prove libere.

“Penso che abbiamo preso le giuste decisioni con i nostri partner”, ha dichiarato Carey su Autosport. “Penso che siano tutti delusi, ma questi sono tempi difficili, ieri sera abbiamo ricevuto input da tutti. E’ stata una decisione congiunta tra FIA, i nostri partner, noi e i team, anche se c’erano diversi punti di vista. Ma alla fine la decisione è stata quella più giusta”. Il CEO della Formula 1 risponde anche a chi ipotizzava una cancellazione anticipata del GP Australia al fine di evitare la lunga trasferta a Melbourne. “Abbiamo discusso del problema prima della scorsa settimana, ma la situazione era differente. E’ un qualcosa che dobbiamo continuare a valutare, ma quando le squadre avevano cominciato a viaggiare pensavamo fosse la scelta giusta per tutti”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © Getty Images / Red Bull Content Pool

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: