Anteprima Grand Prix of Portland 2019 | Info, statistiche, orari e streaming

30 Agosto 2019 - 19:38
|
2019 GP of Portland

La IndyCar torna sui circuiti stradali per l'ultima manche del triple-header che precede il finale di stagione




Questa settimana giunge al termine l’ultimo trittico della stagione di IndyCar 2019. Forse il triple-header più importante perché è quello che decreta chi potrà avere ancora chance di giocarsi il titolo nella gara finale di Laguna Seca, tra tre settimane.

Dopo le gare sugli ovali di Pocono e Gateway, vinte rispettivamente da Will Power e Takuma Sato, la serie USA torna sui circuiti tradizionali per affrontare il Gran Premio di Portland. La gara si disputa sulla distanza di 105 giri, ognuno dei quali della lunghezza di poco meno di 2 miglia, per un totale di 218 miglia. La IndyCar corre qui per il secondo anno consecutivo, dopo che la massima serie a ruote scoperte ‘Made in USA’ aveva abbandonato il circuito dell’Oregon per 10 stagioni. A vincere qui è stato proprio l’ultimo trionfatore di questa stagione: Takuma Sato.

La situazione campionato, alla vigilia del penultimo round stagionale, vede ancora Josef Newgarden davanti a tutti con un vantaggio di 48 punti sul primo degli avversari. Questo non risponde più al nome di Alexander Rossi, autore di una gara non entusiasmante a Gateway, bensì a quello del team-mate Simon Pagenaud. Chiudendo al quinto posto, il francese ha guadagnato qualche punticino sul compagno di squadra, ma qui dovrà fare ben di più per tentare l’assalto finale in California.

Come detto, Rossi è scivolato al terzo posto, ma rimane a breve distanza dal #22, infatti il gap tra lui e Pagenaud è di appena 8 lunghezze. Si è invece riallargata la forbice tra Newgarden e Dixon. Nell’ultima gara il neozelandese ha dovuto mollare a causa di noie meccaniche sulla sua vetture, le quali hanno portato il campione in carica ad aumentare il distacco a 70 punti.

Portland International Raceway

Il tracciato di Portland è molto veloce con un lungo rettilineo di partenza che viene interrotto in due parti da una chicane sinistra-destra, simile alla prima variante di Monza, anche se molto più lunga. Dopo un tratto misto formato da lunghi curvoni, il circuito mostra un’altra sezione molto rapida con un rettilineo in piega verso sinistra, da percorrere in pieno. Questa sezione si ricollega poi all’allungo iniziale con un chicane seguita da una doppia curva a sinistra.

Historic Onboard Lap con Dario Franchitti

Albo d’oro

La storia del Grand Prix of Portland è divisa in due. La prima, molto duratura, è quella del campionato CART/Champ Car con ben 24 edizioni disputate. La seconda, invece, è l’esatto opposto. La IndyCar, infatti, ha corso in Oregon solo lo scorso anno, ovvero il 25° GP di Portland.

L’albo d’oro è quindi ad appannaggio quasi esclusivo del vecchio mondo a ruote scoperte americano. Ad ottenere più vittorie qui sono stati Michael Andretti, con tre successi in fila dal 1990 al 1992 e Al Unser Jr. che ha trionfato nell’edizione inaugurale del 1984, replicandosi poi 10 e 11 anni dopo.

Tanti sono invece i piloti con doppia vittoria, tra cui Mario Andretti, il primo a riuscirci con successo nel 1985 e 1986, quindi Emerson Fittipaldi (1989 e 1993), Alex Zanardi (1996 e 1998) e Sébastien Bourdais (2004 e 2007).

Il francese, ex Newman/Haas, è l’unico pilota della griglia, insieme a Takuma Sato, trionfatore nel 2018, a poter vantare un successo a Portland.

Per quanto riguarda i team, la storia parla a favore di Newman/Haas che tra i due Andretti, Bourdais e Cristiano da Matta a collezionato ben 8 successi. 5 sono invece i trionfi del Team Penske, l’ultimo dei quali risale al 2000 con Gil de Ferran. Ancora più datata è invece l’ultima vittoria di Chip Ganassi Racing che in Oregon ha portato a casa solo due successi, entrambi con Zanardi.

Orari e Streaming TV

Nel corso di questa stagione, così come anche per la prossima, la IndyCar è trasmessa in diretta e in esclusiva dalla piattaforma di streaming DAZN. Questo week-end, la gara sarà trasmessa a partire dalle 21:40 di domenica.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone

Immagine in evidenza: ©

Non ci sono commenti