Fastback | GP Germania 2009: il grande giorno di Mark Webber

02 Luglio 2013 - 16:48
|




A Silverstone la Red Bull versione 2.0 (col doppio diffusore e un nuovo musetto) ha letteralmente dominato la scena e fatto mangiare la polvere alla BrawnGP, che fino a quel momento si era dimostrata imbattibile nelle gare disputate su pista asciutta.

Si arriva, quindi, al Nurburgring con la convinzione di poter vedere un gran premio combattuto, anche perché, oltre alla forza della Red Bull e della BrawnGP, c’è da registrare la rinata competitività della McLaren, che in Germania porta un pacchetto aerodinamico nuovo di zecca (per il solo Hamilton) che permette alla monoposto inglese di recuperare quasi fastback - mark webber pole germania 2009tutto il margine che la separava dalle vetture più veloci.
Le qualifiche sono movimentate dalla pioggia, che scombussola i piani di tutti nel Q2. A farne le spese sono principalmente Rosberg, che finisce quindicesimo, e Alonso, che termina il turno dodicesimo a causa di un testacoda nel giro buono. La pole va a Mark Webber, che precede le BrawnGP di Barrichello e Button, il compagno di squadra Vettel e le McLaren di Hamilton e Kovalainen. Settimo un grande Sutil con la Force India, che riesce a precedere le Ferrari di Massa e Raikkonen nonostante un carico di benzina superiore di circa 9-10 kg.

GARA – Nel giro di riscaldamento corre un grosso rischio Alonso, che scaldando le gomme si gira all’ultima chicane. Fortunatamente riesce a ripartire e a schierarsi regolarmente. Al via Webber scatta maluccio e cerca di chiudere Barrichello: l’australiano tocca involontariamente la fiancata della BrawnGP, ma Barrichello passa.

Dietro però arriva come un cannone Lewis Hamilton, che alla frenata si trova in testa. L’inglese della McLaren però ha una gomma bucata (per un leggero contatto con Webber): finisce lungo e
sfila in fondo al gruppo. Al termine del primo giro Barrichello è primo davanti a Webber, Kovalainen, Massa, Button, Vettel e Raikkonen, ma Button attacca Massa in fondo al rettilineo dei box e lo passa. Davanti Barrichello (che va sulle tre soste) e Webber fanno il vuoto, mentre Kovalainen fa da tappo a tutti gli altri. Vettel cerca di superare Massa all’esterno alla Veedol Chicane, ma Massa resiste e Vettel è costretto a tagliare la esse. Nel frattempo bel sorpasso di Fisichella su Heidfeld, e al dodicesimo passaggio il pilota della Force India sopravanza anche Alonso.

barrichello-brawngp-webber-red-bull-gp-germania-2009-436x291

Ma il colpo di scena è dietro l’angolo: la direzione corsa infligge un drive through a Webber per la “toccatina” a Barrichello in partenza. Button si ferma ai box al dodicesimo giro per la prima sosta e viene imitato da Barrichello nel passaggio successivo: Webber segue il brasiliano in corsia box per scontare la sua penalità e riesce ad uscire in testa, mentre Barrichello rientra dietro al gruppetto trainato da Kovalainen, il quale effettua il suo primo rifornimento al giro 15. Webber davanti ne approfitta per stampare una serie impressionante di giri veloci e rientra ai box alla diciannovesima tornata e mette le gomme dure: ora il nuovo leader del gran premio è Felipe Massa. Mentre Button passa Buemi e Heidfeld, Massa ha vita dura a tener dietro Barrichello, anche perchè le sue gomme morbide sono alla frutta; infatti Sutil, che monta le dure, ricuce sensibilmente il gap che lo separa dai primi due, così come la Williams di Rosberg. Le due Ferrari fanno il primo pit stop al ventiquattresimo e venticinquesimo giro, ma i giri in più fatti con gomme finite vengono pagati a caro prezzo da Massa: il brasiliano perde la posizione su Vettel. Verso metà gara rientra anche Sutil: il pilota della Force India esce affiancato a Raikkonen. I due si toccano leggermente, ma tanto basta a Sutil per danneggiare l’ala anteriore e per dover tornare ai box per cambiare il muso.

Webber, nonostante abbia un carico di benzina decisamente superiore alle Brawn GP, recupera più di un secondo al giro a Barrichello e gli arriva a tiro. Rubinho rientra al giro 32 per la seconda sosta e perde tempo prezioso per un problema al bocchettone. Intanto Raikkonen inizia a girare piano e al trentaquattresimo giro è costretto al ritiro: sulla sua Ferrari si sta rompendo il motore. Webber davanti continua a spingere come un forsennato e soltanto Alonso, ottavo, riesce a girare sui suoi stessi tempi. Il secondo giro di rifornimenti non porta scossoni alla classifica, ma solamente la certezza che le BrawnGP, che devono effettuare una terza sosta, torneranno in pista dietro a Vettel, Massa e Rosberg. Prima dell’ultimo pit stop Button arriva in scia a Barrichello e Ross Brawn decide di far fermare per primo Barrichello, in modo tale da permettere a Button, leader del mondiale, di sopravanzare il compagno di squadra nel gioco dei pit stop e di prendersi un punto in più. La strategia di Brawn funziona: Button passa Barrichello. I due devono comunque spingere forte negli ultimi giri per difendersi da un cattivissimo Alonso.

webber4-499x241

Gli ultimi giri scorrono senza sussulti e Webber vince il suo primo gran premio in Formula 1. L’australiano batte Sebastian Vettel e Felipe Massa, che conquista il suo primo podio stagionale. Quarto Rosberg con la Williams, davanti a Button, Barrichello, Alonso e Kovalainen.

Con questo successo Webber si porta in terza posizione nel mondiale piloti a 1,5 punti dal compagno di squadra Vettel.

RISULTATO DELLA CORSA

1 14 Australia Mark WEBBER Red Bull Renault 60 1:36:43,310 1
2 15 Germania Sebastian VETTEL Red Bull Renault 60 +9,252 4
3 3 Brasile Felipe MASSA Ferrari 60 +15,906 8
4 16 Germania Nico ROSBERG Williams Toyota 60 +21,099 15
5 22 Regno Unito Jenson BUTTON BrawnGP Mercedes 60 +23,609 3
6 23 Brasile Rubens BARRICHELLO BrawnGP Mercedes 60 +24,468 2
7 7 Spagna Fernando ALONSO Renault 60 +24,888 12
8 2 Finlandia Heikki KOVALAINEN McLAren Mercedes 60 +58,692 6
9 10 Germania Timo GLOCK Toyota 60 +1:01,457 20
10 6 Germania Nick HEIDFELD BMW Sauber 60 +1:01,925 11
11 21 Italia Giancarlo FISICHELLA Force India Mercedes 60 +1:02,327 18
12 17 Giappone Kazuki NAKAJIMA Williams Toyota 60 +1:02,876 13
13 8 Brasile Nelson PIQUET jr. Renault 60 +1:08,328 10
14 5 Polonia Robert KUBICA BMW Sauber 60 +1:09,555 16
15 20 Germania Adrian SUTIL Force India Mercedes 60 +1:11,941 7
16 12 Svizzera Sébastien BUEMI Toro Rosso Ferrari 60 +1:30,225 17
17 9 Italia Jarno TRULLI Toyota 60 +1:30,970 14
18 1 Regno Unito Lewis HAMILTON McLaren Mercedes 59 +1 giro 5
Rit 4 Finlandia Kimi RAIKKONEN Ferrari 34 Motore 9
Rit 11 Francia Sébastien BUEMI Toro Rosso Ferrari 18 Idraulica 19

 
CLASSIFICA PILOTI

1 Regno Unito Jenson BUTTON 68
2 Germania Sebastian VETTEL 47
3 Australia Mark WEBBER 45,5
4 Brasile Rubens BARRICHELLO 44
5 Brasile Felipe MASSA 22
6 Italia Jarno TRULLI 21,5
7 Germania Nico ROSBERG 20,5
8 Germania Timo GLOCK 13
9 Spagna Fernando ALONSO 13
10 Finlandia Kimi RAIKKONEN 10
11 Regno Unito Lewis HAMILTON 9

 

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Non ci sono commenti