Young Driver of the Week #3 – Kas Haverkort

21 Luglio 2020 - 17:11
|




Benvenuti in questo nuovo appuntamento con il Young Driver of the Week, la nostra rubrica dedicata alle giovani promesse del motorsport che ogni anno si fanno spazio nei campionati propedeutici di tutto il mondo, con l’ambizione e l’obiettivo di arrivare ai piani più alti di questo sport.

Nell’ultimo fine settimana sono andate in scena Formula 2 e Formula 3 in Ungheria, con il terzo round stagionale; ma oltre a questi due campionati, ha preso il via la Formula 4 Spagnola sul circuito di Navarra per il primo round stagionale. E dopo aver messo in evidenza il Campione 2019 la scorsa settimana, oggi prendiamo il nostro uomo copertina proprio da questo campionato, autentico dominatore del primo round del 2020: il suo nome è Kas Haverkort, ed è lui il nostro Young Driver of the Week!

Haverkort ha letteralmente dominato la scena in quel di Navarra, vincendo tutte le tre gare in programma: in Gara1 e Gara2 è stato al comando dall’inizio alla fine sfruttando al massimo la partenza dalla pole position, e in Gara3 si è ripetuto partendo dalla seconda posizione regolando subito il poleman Joshua Dufek, poi terzo al traguardo in Gara3. Haverkort ha lasciato solamente le briciole agli avversari, con il solo Oliver Goethe ad andare sul podio in tutte le tre gare, chiudendo terzo in Gara1 e al secondo posto nelle due gare successive. Mari Boya ha chiuso secondo in Gara1 per poi faticare nelle restanti gare con un nono e un quarto posto, mentre Lorenzo Fluxa (già visto in inverno nella Formula 4 UAE) ha chiuso sul podio solo in Gara2 chiudendo al terzo posto, dopo aver chiuso fuori dal podio in Gara1 in quarta posizione.

Dopo il primo round del campionato, la classifica vede ovviamente Haverkort in testa con 65 punti, con Goethe a seguire a 45 punti, con Boya e Fluxa a seguire appaiati a 20 punti. Ciò rende ancor più incredibile il weekend di Kas Haverkort è il fatto che quelle di Navarra sono state le sue prime gare in assoluto in monoposto! Infatti il 16enne pilota olandese viene da una grande carriera nel karting, vincendo nel 2012 il campionato Chrono Rotax Max Winter Cup Micromax, e nel 2017 si è affermato nel Junior Kart Championship tedesco. Nel 2019 ha chiuso al quarto posto il Campionato tedesco di Karting nella classe OK, nel campionato vinto dall’ex pilota del Red Bull Junior Team Harry Thompson. Quest’anno ha optato per lo sbarco in monoposto con la scuderia olandese MP Motorsport per disputare il campionato di Formula 4 Spagnola e ha iniziato come meglio non poteva con questa tripletta. Pilota olandese e scuderia olandese, cosa che nella serie iberica ha già avuto successo nel 2016, quando Richard Verschoor vinse il campionato proprio con la stessa MP Motorsport: sarà nuovamente un connubio vincente?

NAVARRA (ESP), Jul 16 – 19 2020 – F4 Spanish Championship round 1 at Circuito de Navarra. Kas Haverkort #27, MP motorsport. © 2020 Klaas Norg / Dutch Photo Agency.

All’Hungaroring è andato in scena il terzo round stagionale di Formula 2 e Formula 3, con molteplici colpi di scena. In Formula 2 la gestione gomme ha avuto un ruolo fondamentale con Robert Shwartzman e Luca Ghiotto capaci di vincere le due gare dell’evento. Nella prima gara del weekend Shwartzman parte 11° dopo una qualifica non soddisfacente sotto la pioggia, ma al via riesce subito a salire in sesta posizione dopo una grande partenza. Il pilota russo sfrutta al massimo le gomme dure con le quali è partito sfruttando appieno la strategia alternativa, che prevede il passaggio alle gomme morbide nel pit-stop che arriva al 27° giro, e dopo pochissimi giri Shwartzman torna in testa involandosi verso la sua seconda vittoria stagionale. Che la strategia alternativa si è rivelata la migliore lo conferma anche il secondo posto di Nikita Mazepin, scattato dalla sedicesima posizione ma autore di una imperiosa rimonta fino al secondo posto finale seguendo la stessa strategia usata dal suo connazionale vittorioso. Terzo posto per Mick Schumacher, il primo tra coloro che hanno optato per una strategia “standard” partendo con le gomme morbide per passare poi alle dure. Nella Sprint Race della domenica Luca Ghiotto si è confermato un maestro della gestione delle gomme riuscendo ad arrivare al traguardo con le gomme dure senza dover ricorrere al pit-stop come invece hanno fatto gli altri; Ghiotto ha vinto per soli 4 decimi su un arrembante Callum Ilott, che sul finale è tornato sull’italiano ed è stato fermato solo dalla bandiera a scacchi nella sua risalita. Altro podio per Mick Schumacher, terzo anche nella gara di domenica in cui ha preceduto il suo compagno di squadra alla Prema Shwartzman, quarto al traguardo. La classifica piloti dopo tre gare vede Shwartzman comandare con 81 punti, con Ilott dietro a quota 63. Più staccati gli altri, con Christian Lundgaard terzo fermo a 43 punti dopo essere rimasto a secco nelle due gare di Budapest. Schumacher sfrutta i due podi conquistati per risalire al quarto posto con 39 punti.

In Formula 3 continua a brillare la stella di Theo Pourchaire, che dopo aver vinto l’ultima gara disputata in Austria si è confermato anche in Ungheria vincendo Gara1. Il giovane francese ha approfittato del caos successo al via che ha visto due pretendenti alla vittoria come Alexander Smolyar e Frederik Vesti finire subito out, ma una volta in testa ha dominato la gara, vincendo con un sontuoso vantaggio sul leader del campionato Oscar Piastri, secondo al traguardo e fin qui sempre a punti. Bent Viscaal ha ereditato il podio a fine gara grazie ad una penalità inflitta a Logan Sargeant. Viscaal è stato un grande protagonista nella Gara2 di domenica, quando sul bagnato è stato autore di una guida incredibile, riuscendo anche ad andare in testa alla gara con oltre 6 secondi di vantaggio riuscendo ad annullare una penalità di 5 secondi inflittagli per un contatto con Igor Fraga, costretto al ritiro: sul finale, però, un’altra penalità di 5 secondi (inflittagli per un sorpasso eseguito oltre i limiti della pista) e la Safety Car entrata in pista per l’incidente di Federico Malvestiti hanno frantumato tutte le sue possibilità non solo di podio ma anche di finire a punti, passando dal primo al 17° posto finale. La vittoria va così a David Beckmann, alla sua prima vittoria in campionato davanti a Piastri e Dennis Hauger, autore di un ottimo avvio e al suo primo podio in Formula 3. Dopo tre round, la classifica vede Piastri condurre con 76 punti contro i 50 di Sargeant (sesto e quarto nelle due gare). A breve distanza seguono Pourchaire (sesto in Gara2) a 48, Beckmann a 47.5 e Richard Verschoor, quarto e quinto nelle due gare a 45.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © mpmotorsport.com

Non ci sono commenti