Dakar 2020, camion: Karginov domina, delusione Viazovich

17 Gennaio 2020 - 12:29
|
Haradh > Qiddiyah

Il russo, ritrovatosi al comando dello squadrone di Kamaz-Master, ha sempre gestito al meglio ogni speciale del raid




La Dakar 2020 è giusta al termine. Per quanto riguarda la classifica dei camion, quella di oggi è stata la fine di un supplizio per tutti quelli che non si chiamano Andrey Karginov. Il russo, messo al comando dello squadrone dei Kamaz a causa dei continui inconvenienti avuti da Nikolaev, ha dettato il ritmo di gara praticamente dalla terza giornata, vincendo nove speciali su 12. Un dominio. 

Il russo ha conquistato la sua seconda vittoria in modo netto, senza mai essere impensierito dalla concorrenza. Karginov ha tagliato il traguardo di Qiddiya con il tempo totale di gara di 46.33’36”. 

Secondo il classifica generale, Anton Shibalov che, dopo la vittoria della prima speciale, è sempre giunto secondo alle spalle di Karginov. Per lui, autore di una magnifica Dakar, il ritardo totale nei confronti di Karginov è stato di 42’26”.
Terzo gradino del podio per Siarhei Viazovich. Il bielorusso, ha concluso con oltre due ore di ritardo dal vincitore, ma è stato anche bersagliato dalla sfortuna in più occasioni. Nelle fasi finali della gara, vista l’impossibilità di vincere, ha puntato tutto sulla conservazione del mezzo per essere certo di arrivare in fondo. Per lui, un podio strameritato, ma nel 2021 sarà uno dei più agguerriti per la vittoria. 

Quarto posto per Dmitry Sotnikov, con il Kamaz #501. Il russo è sempre stato un pò in ombra rispetto a Karginov e Shibalov, e questo non solo perchè il suo camion era fondamentalmente una grande scorta ambulante di pezzi di ricambio, ma anche perchè non ha mai avuto il passo per stare l’ davanti.
Quinto posto per Martin Macik. Il ceco del team Big Shock Racing, ha portato il suo Iveco a 3.28’ di ritardo da Karginov, risultando il migliore degli Iveco nonostante il distacco abissale. 

Sesta posizione per Janus van Kasteren. L’olandese ha concluso la Dakar 2020 con quasi quattro ore e mezzo di ritardo nei confronti di Karginov. Forse proprio van Kasteren è stata la più grande delusione della Dakar 2020 riservata ai camion. Chiamato in causa come punta di diamante del vivaio dello squadrone De Rooy, non ha mai inciso. Probabilmente quella di quest’anno sarà una grande esperienza che darà. frutti in futuro, ma i risultati della De Rooy di questo 2020 sono completamente da dimenticare. 

Settimo Ales Loprais con il suo Praga, seguito da Vishneuski e Garrouste.
Chiude la top ten Teruhito Sugawara, classificatosi con oltre sei ore di ritardo da Karginov. Per lui, la soddisfazione di essere vincitore della categoria di camion alimentati con propulsori al di sotto dei 10 litri di cilindrata. 

Quindicesima posizione per Albert Llovera, pilota del team Petronas De Rooy Iveco. Per lui, la soddisfazione di essere arrivato in fondo anche quest’anno e di aver fatto segnare ottimi rilevamenti nonostante il suo grave handicap fisico. 

Per quanto riguarda i piloti italiani, abbiamo:
-Claudio Bellina (GINAF) – 21° – GAP: 29.41’19”
-Antonio Cabini (Mercedes) – 25° – GAP: 48.03’35”
-Paolo Calabria (MAN) – 27° – GAP: 52.16’18”

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: ©Red Bull Content Pool

Non ci sono commenti