Yamaha Petronas, Quartararo: “Non è stata una giornata facile”; Morbidelli: “Un buon inizio”

16 Ottobre 2020 - 19:45
|
GP Aragona 2020

Seconda e terza posizione per i due alfieri Petronas Fabio e Franco dopo le due sessioni di libere del venerdì ad Aragon




Prima giornata positiva per i colori della Yamaha Petronas al GP Aragon MotoGP. Nelle due sessioni di libere condizionate da temperature fredde e vento, i due rider del team malese sono riusciti a posizionarsi davanti in un venerdì a tinte uniche Yamaha. Fabio Quartararo e Franco Morbidelli sono rispettivamente secondo e terzo, dietro di poco al pilota Factory Maverick Vinales. Un ottimo punto di partenza, anche se entrambi i piloti sono caduti nella FP1 a causa della pista fredda.

Fabio Quartararo: “Non era una giornata facile, ma è stata comunque positiva. Abbiamo avuto un incidente strano in FP1, non so ancora come è accaduto, ma poi in FP2 siamo andati alla grande. Sembra che domani avremo bisogno di un paio di giri con la soft posteriore, penso potrebbe essere una buona opzione per la gara dato che il nostro ritmo non è tanto eccezionale. Comunque in generale è stata una giornata positiva, sono contento di aver trovato nel pomeriggio il giusto feeling con l’anteriore. Domani sarà importante non perdere il ritmo, ma dobbiamo concentrarci anche per la gara”.

Franco Morbidelli: “E’ stata una buona giornata, abbiamo iniziato bene il week-end, infatti le Yamaha sono tutte al top! Al mattino le condizioni erano abbastanza insidiose, con temperature molto basse e il vento che soffiava molto forte. Sembra comunque che soffriamo meno degli altri in queste condizioni. In FP1 ho fatto un’errore: ho fatto un giro lento per una bandiera gialla, poi ho spinto troppo presto e sono andato giù. Siamo comunque riusciti ad avere un buon tempo, anche se continuerò a spingere domani. Possiamo migliorare, domani danno il meteo leggermente migliore e ci sarà più aderenza in pista”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © motogp.com

Non ci sono commenti