Moto3: pole bagnata di Antonelli in Giappone, 2° Lopez, 3° Suzuki

19 Ottobre 2019 - 6:39
|
GP Giappone 2019

Antonelli è in pole a Motegi! Secondo Alonso Lopez, terzo il giapponese Tatsu Suzuki. Sesta posizione per Dalla Porta mentre Canet è ottavo.




Sedicesima qualifica dell’anno per la classe leggera della Moto3, al Twin Ring Motegi, sul circuito di 4801 metri, disputatasi sotto l’acqua, così come l’ultima sessione di prove libere (FP3). Le condizioni di bagnato hanno scombussolato l’ordine dei piloti, dandoci così dei nomi illustri nel Q1: Alonso Lopez, terzo nell’ultimo GP in Thailandia e Tony Arbolino, ancora in lotta per il mondiale. Dopo abbiamo Romano Fenati, Jaume Masia, Niccolò Antonelli e Dennis Foggia.

I quattro piloti che hanno superato il taglio della Q1 sono: Alonso Lopez (Estrella Galicia 0.0), Niccolò Antonelli (SIC58 Squadra Corse), Sergio Garcia (Estrella Galicia 0.0) e Makar Yurchenko (BOE Skull Rider Mugen Race). Qualifica difficile per gli italiani: chiude in settima posizione Stefano Nepa, seguito da un dolorante Romano Fenati al rientro dopo il GP di Misano. Undicesimo Riccardo Rossi, tredicesimo (quindi 27°) Tony Arbolino che complica la sua situazione per il mondiale, dato che sia Canet sia Dalla Porta sono in Q2. Quindicesimo e ultimo è un anonimo Dennis Foggia.

Nel Q2 è Niccolò Antonelli a fare la pole position, la terza dell’anno con un giro straordinario, davanti ad Alonso Lopez ed all’idolo di casa Tatsuki Suzuki a chiudere la prima fila. La seconda fila è composta da Yurchenko, poi Garcia ed il leader del mondiale Lorenzo Dalla Porta, 6° ma lontano dalla top five. Terza fila per Jakub Kornfeil, Aron Canet, che risorge dopo delle grandi difficoltà sotto l’acqua, nono è Celestino Vietti. Quarta fila per Rodrigo, McPhee e Ramirez. In tredicesima posizione abbiamo Albert Arenas, davanti a Darryn Binder ed uno scontento Andrea Migno, deluso dopo aver dimostrato un ottimo passo sia sull’asciutto che sul bagnato. Sesta fila tutta giapponese con Toba, Sasaki e Ai Ogura, caduto nei primi minuti non disputando così la qualifica.

Questa qualifica testimonia l’importanza della confidenza dei piloti sul bagnato: quattro su cinque piloti della top five vengono direttamente dal Q1. I piloti hanno potuto girare un turno in più rispetto ai colleghi che si sono qualificati direttamente per il Q2.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: ©motogp.com

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: