Gp di Gran Bretagna | Analisi del duello Hamilton vs Leclerc

La gara di Silverstone presenta ai suoi spettatori un duello inedito per la stagione 2021, ovvero quello tra la SF21 di Leclerc e la W12 di Hamilton.

I due partono rispettivamente in seconda e quarta posizione dopo i risultati della prima storica Sprint Qualifying. Charles sfrutta una partenza non perfetta di Bottas per prendersi già alla prima curva la terza posizione, nel frattempo Lewis lotta curva per curva con Verstappen per ottenere il comando del gran premio di casa.

A seguito dell’ ormai discusso incidente tra Verstappen e Hamilton ha luogo un duello che alla vigilia del weekend inglese di Silverstone sembrava inimmaginabile, ovvero quello tra la SF21 di Leclerc e la W12 di Hamilton.

Il monegasco, dopo il contatto alla “Copse” tra i due contendenti al titolo, riesce a portarsi in testa dimostrando fin da subito di avere un ottimo ritmo con gomme gialle (ritmo che aveva già mostrato nella Sprint Qualifying su medesima mescola). Passo gara che viene però più volte rallentato da problemi al motore in particolare al 15esimo (dove passa dall’ 1:32.744 del giro precedente all’ 1:33.282) e al 16esimo giro, tanto che Lewis riesce per la prima volta ad entrare in zona Drs. Risolti i problemi al motore ritorna a segnare i suoi migliori parziali girando tra 1:31.900 e 1:32.200 riuscendo ad allungare nuovamente sul pilota inglese (che girava con tempi tra 1:32.210 e 1:32.650).

La Mercedes decide quindi di rispondere richiamando al box Hamilton montando gomma bianca al 28esimo giro. La mescola dura, a differenza delle medie,  risulta particolarmente performante per la W12 della scuderia tedesca che riesce a mantenere nei successivi 24 giri un passo parecchio efficiente risultando la macchina più veloce in pista (in media di 1:30.776).

Il muretto Ferrari richiama ai box Leclerc al 30esimo giro, anche per lui la strategia di gara si completerà con uno stint finale su gomme dure. Tuttavia  la competitività che la sua SF21 aveva dimostrato nello stint su  mescole medie non riuscirà ad essere tale su mescole dure, infatti nei successivi 22 giri il monegasco girerà con un tempo medio di 1:31,522 (quasi un secondo più lento del tempo medio di Lewis!).

Di conseguenza il distacco di 13 secondi maturato (anche per via della penalità inflitta) da Leclerc ai danni di Hamilton andrà via via a ridursi fino al 50esimo giro dove Lewis troverà il sorpasso proprio alla “Copse”, la stessa curva che in precedenza aveva regalato la prima posizione al numero 16 della Ferrari. Lecler dovrà quindi accontentarsi di un ottimo secondo posto e di una ritrovata competitività in una SF21 sempre più “misteriosa“.

Salvatore Borzì

Immagine in evidenza: ©

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone

Lascia un commento! on "Gp di Gran Bretagna | Analisi del duello Hamilton vs Leclerc"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*