Prima fila Mercedes, Hamilton: “Giro quasi perfetto dedicato a Boseman”. Bottas: “Contento del mio giro”

29 Agosto 2020 - 22:20
|
GP Belgio 2020

Le parole dei piloti Mercedes, che confermano le attese nelle qualifiche del Gran Premio del Belgio. Per Hamilton, che batte il compagno di squadra di ben mezzo secondo, è la 93° pole position in carriera




La Mercedes conferma le attese della vigilia e si aggiudica la prima fila anche nel Gran Premio del Belgio, mostrando a tutti come, seppur i valori si siano leggermente ricompattati, le Frecce nere abbiano ancora del margine sulla concorrenza, quantomeno sul giro secco.

Per Lewis Hamilton il tassametro continua a correre: è la 6° pole nello storico circuito delle Ardenne, la 5° in stagione e la numero 93 in carriera.

L’inglese ha dedicato la prestazione di oggi – con tanto di record della pista – all’attore appena scomparso Chadwick Boseman: “Mi sento incredibilmente fortunato di poter conquistare la pole in una giornata come questa. Questa mattina mi sono svegliato con la terribile notizia di Chadwick Boseman. Che uomo umile era nell’interpretare queste iconiche figure nere. Da bambino volevo essere Superman, ed è così importante oggi per i giovani neri avere un supereroe a cui guardare, che assomigli a loro. Non è davvero facile rendere al meglio quando si ha qualcosa che pesa sul cuore, e ad essere sinceri era così difficile scrollarsi di dosso quella negatività e incanalarla in qualcosa di eccezionale, ma Chadwick ha dimostrato che era possibile”.

Lewis ha poi spiegato la sua grande soddisfazione per un giro ai limiti della perfezione: “Ho fatto molti giri nella mia carriera in F1, ma quei due giri in Q3 sono stati quasi perfetti. Non si può vedere la mia faccia sotto il casco, ma stavo sorridendo, questa pista è semplicemente incredibile ed ero totalmente al limite. Abbiamo deciso di uscire presto e correre con l’aria pulita perché è facile fare un pasticcio con la scia se vieni bloccato o c’è una bandiera gialla, abbiamo decisamente fatto la scelta giusta. Domani dobbiamo ancora fare una grande gara e venerdì le Red Bull le ho viste bene sui long run, ma oggi è stato un onore poter dedicare quella pole a Chadwick perché mi ha ispirato. Le mie preghiere e i miei pensieri sono con la sua famiglia”.

Valtteri Bottas, invece, è uscito con le ossa rotte dal confronto col compagno di squadra: in Q3 il distacco subito è di mezzo secondo, e solo per 15 millesimi il finnico è riuscito a preservare la prima fila dall’attacco di Max Verstappen.

Tuttavia Valtteri sembra abbastanza soddisfatto della sua qualifica ed è convinto di potersi giocare le sue carte nella gara di domani: Sono abbastanza contento delle qualifiche, il mio giro è andato bene oggi, soprattutto la seconda run del Q3. Non credo di aver commesso errori in quel giro, quindi non so da dove provenga il gap con Lewis, dovrò guardare i dati. Ma in realtà non sono molto preoccupato di perdere la pole, perché partire secondo o terzo può essere un vantaggio a Spa. Abbiamo già visto che con una scia al primo giro si può sorpassare il leader in entrata di curva 5. Spero che domani ci siano molte opportunità per provare a lottare per un buon risultato e non vedo l’ora che inizi una gara emozionante”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © Mercedes AMG-F1 Official Twitter Page

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: