Ferrari, Leclerc: “Deluso, occasione persa”; Vettel: “Faticavo di più rispetto al mattino”

26 Settembre 2020 - 20:02
|
GP Russia 2020

Sebastian a muro, Charles rallentato ed 11°: parole ed impressioni dei piloti Ferrari dopo le difficili qualifiche di Sochi




La Scuderia Ferrari manca di nuovo l’accesso al Q3. Nelle qualifiche del GP Russia, Sebastian Vettel e Charles Leclerc avevano la possibilità di ritagliarsi un posto nei primi 10. Ma, dopo una Q1 molto tesa, nel Q2 arriva la doppia doccia fredda per il Cavallino. Prima con Sebastian, che prende male il cordolo di curva 4 e va a sbattere contro il muro, causando la bandiera rossa. E poi con Charles, che non riesce a migliorarsi negli ultimi due minuti rimasti della sessione. Così il sabato della Ferrari va in archivio con un 11° posto per Leclerc e un 15° per Vettel in griglia.

Charles Leclerc: “Oggi avevamo il passo per fare qualcosa di buono, che andasse meglio delle nostre previsioni. Purtroppo abbiamo mancato l’occasione, sono deluso, ma sono cose che succedono. Fa male non raggiungere il Q3 perchè credevo avessimo il potenziale per farcela. Dalle comunicazioni pensavo di non aver margine per il giro veloce, ma in realtà c’era e non l’ho potuto sfruttare. Dobbiamo migliorarci, domani partiremo 11° e avremo la scelta libera delle gomme da cui trarne vantaggio. Io cercherò di dare il massimo per conquistare punti”.

Sebastian Vettel: “Quando sono andato a sbattere stavo spingendo per migliorare il mio tempo. Non ho avuto un buon primo settore, per cui probabilmente ho esagerato e perso la macchina. Mi era già successo in curva 2 e mi è ricapitato in curva 4, solo che stavolta non sono riuscito a controllarla e non ho potuto evitare l’impatto. Oggi pomeriggio la pista era molto differente rispetto al mattino ed ho faticato di più. Mi dispiace per la squadra che dovrà fare del lavoro extra, ma almeno la vettura è riparabile”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © Scuderia Ferrari Media Center

Non ci sono commenti