F1 2021: Costi, week-end di gara e giovani piloti. Cosa cambierà?

31 Ottobre 2019 - 18:45
|

Un tetto massimo imposto, week-end accorciato a soli tre giorni e obbligo di schierare un giovane pilota durante le libere




Il nuovo regolamento di Formula 1 che verrà applicato a partire dal 2021, vede diverse novità, non solo legate all’aspetto estetico delle nuove vetture. Le regole che saranno imposte dalla tra due stagioni toccheranno diversi aspetti, tra i quali il limite di budget, ma anche l’organizzazione dei fine settimana di gara.

Budget cup

Per la prima volta nella storia di questo campionato, la FIA imporrà da regolamento un limite massimo di spesa nel corso della stagione, per poter sviluppare la vettura.

La decisione di imporre un tetto massimo, pari a 175 milioni di $ (al tasso di cambio attuale sono 153 mln di €), è stata presa per evitare un buco prestazionale enorme come quello tra i top team e la fatidica “Formula 1.5”. Inoltre la FIA vuole creare una competizione basata sulla capacità spendere al meglio i soldi a disposizioni e non sulla quantità degli stessi. Non vedremo più team come Mercedes e Ferrari spendere il doppio, il triplo o il quadruplo rispetto a team di metà classifica.

Da escludere dal tetto massimo ci sarà l’ingaggio dei piloti, quello dei team principal, del resto del personale, ma anche dei costi legati alle operazioni di marketing.

Week-end di gara

Per ridurre al minimo le quantità di denaro spese nel corso di una stagione, anche il fine settimana di ogni gran premio verrà compresso. A partire dal 2021, infatti, sarà eliminata la giornata del giovedì, durante la quale solitamente si tenevano la conferenza stampa dei piloti e le prime interviste ai protagonisti. Queste sessioni destinate agli organi di stampa verranno spostate al venerdì mattina, andando così ad aumentare di altri 21/22 giorni il lavoro a casa o in ufficio per tutti i team.

Spostando lo spazio dedicato alle interviste al venerdì, anche il programma in pista subirà una rivoluzione. Le Prove Libere 1 e 2, infatti, si disputeranno più avanti nel corso della giornata. Non vedremo più in pista le vetture alle 11 e alle 15, ma probabilmente entrambe prenderanno il via nel corso del pomeriggio.

Per quanto riguarda il programma del sabato e della domenica, quindi di Prove Libere 3, Qualifiche e Gara, queste manterranno la loro programmazione tradizionale.

Il programma sarà:
Giovedì
Staff tecnico e addetti marketing arrivano in circuito. Attività media
19:00 – Inizio coprifuoco
Venerdì
8:00 – Fine coprifuoco
11:30 – Termine ispezione delle vetture alle verifiche tecniche
13:00 – Prove Libere 1
16:30 – Prove Libere 2
23:00 – Inizio coprifuoco
Sabato
9:00 – Fine coprifuoco
12:00 – Prove Libere 3 (inizio Parco chiuso)
15:00 – Qualifiche
23:00 – Inizio coprifuoco
Domenica
10:00 – Fine coprifuoco
15:10 – Gara

Parc Fermé

Altra novità importante sarà quella riguardante il parco chiuso. Fino al 2020 questo imporrà ai team di non poter più modificare le vetture a partire dal Q1, quando il pilota scenderà in pista per la prima volta nel corso della sessione.

A partire dal 2021 il parc fermé avrà inizio il sabato mattina, quando ogni vettura uscirà per effettuare il primo giro in pista durante le Prove Libere 3. Da quel momento in poi, quindi per due terzi del fine settimana, i team non potranno più effettuare modifiche sulle due vetture.

Quel che è ancora più importante, per quanto concerne il regime di parco chiuso, sarà il fatto che le specifiche imposte saranno quelle mostrate alla FIA nel corso delle verifiche del venerdì mattina, precedenti alla Prove Libere 1. Questo vuol dire che i team dovranno arrivare in pista già pronti per poter affrontare il resto del week-end.

Durante le sessioni del venerdì, i costruttori potranno provare delle novità, ma queste potranno essere utilizzate in qualifica e gara esclusivamente se montate sulla vettura prima delle verifiche tecniche.

Giovani piloti

Le nuove regole imporranno a tutti, i team, quindi anche ai grandi come Mercedes, Ferrari e Red Bull, di schierare nel corso della stagione un giovane pilota.

Ovviamente non verrà chiesto loro di farlo in gara, bensì in almeno due sessioni di prove libere nel corso della stagione obbligatoriamente. Questi piloti dovranno avere un massimo di due Gran Premi disputati in carriera in Formula 1.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © F1 - Twitter

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: