Charles Leclerc penalizzato due volte a fine gara. Scivola al settimo posto

13 Ottobre 2019 - 11:41
|
GP Giappone 2019

Due penalità per un totale di 15 secondi e multa per la Ferrari




Una domenica mattina iniziata bene con il secondo posto in qualifica, poi peggiorata con l’incidente in curva 2 con Max Verstappen e infine chiusa male con la doppia penalità inflitta. Questo è il riassunto in breve del Gran Premio del Giappone di Charles Leclerc.

Non una, ma ben due penalità hanno modificato la classifica finale della gara per il pilota monegasco. La prima consiste in 5 secondi aggiunti al tempo finale della gara, per aver creato un incidente con Max Verstappen al via del Gran Premio. Cinque secondi che non incidono sul suo sesto posto, dato che Daniel Ricciardo, giunto settimo, ha chiuso 7 secondi alle spalle del pilota Ferrari.

Quel che però ha caratterizzato in negativo il post gara del ferrarista è la seconda penalità, questa volta di dieci secondi. Questa è stata inflitta perché il #16 ha violato il punto 38.3 d) del regolamento sportivo di Formula 1, per aver continuato a girare in pista nonostante la sua vettura fosse danneggiata e potesse creare un pericolo. Oltre alla penalità, la Ferrari ha ricevuto anche una multa di 25.000 euro.

La spiegazione della Federazione, in merito alla seconda penalità, evidenzia il fatto che Charles Leclerc avrebbe dovuto fare ritorno ai box al termine del primo giro. Nel corso del secondo giro, la Ferrari ha riportato alla Race Direction di aver richiamato il pilota ai box, il quale nel frattempo aveva perso un frammento piccolo e uno grande dell’ala in curva 11 e 14, andando a colpire la vettura di Hamilton subito alle spalle. Una volta persi questi pezzi, il team ha pensato che la vettura fosse sicura, lasciandola in pista. La FIA ha però obbligato il team a richiamare il pilota, per ispezionare la SF90, al termine del terzo giro.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © F1 Twitter

Non ci sono commenti