Anteprima GP Brasile 2019 | Info, orari, statistiche e TV

14 Novembre 2019 - 9:49
|
GP Brasile 2019

La Formula 1 arriva in Brasile per il penultimo gran premio di questa stagione




La stagione 2019 di Formula 1 sta per volgere al termine, dopo che il round di Austin ha sancito il sesto titolo iridato di Lewis Hamilton. Il penultimo appuntamento dell’anno sarà sulla storica, veloce ed insidiosa pista di Interlagos, in Brasile. Si prevede anche qui un altro dominio della Mercedes, soprattutto dopo il passo indietro della Ferrari causato dal reclamo della Red Bull; proprio il team anglo austriaco potrebbe essere il principale antagonista della casa di Stoccarda.

CLASSIFICA PILOTI

1° Lewis Hamilton (Mercedes) – 381 punti
2° Valtteri Bottas (Mercedes) – 314 punti
3° Charles Leclerc (Ferrari) – 249 punti
4° Max Verstappen (Red Bull) – 235 punti
5° Sebastian Vettel (Ferrari) – 230 punti
6° Alexander Albon (Red Bull) – 84 punti
7° Carlos Sainz (McLaren) – 80 punti
8° Pierre Gasly (Toro Rosso) – 77 punti
9° Daniel Ricciardo (Renault) – 46 punti
10° Sergio Perez (Racing Point) – 44 punti
11° Lando Norris (McLaren) – 41 punti
12° Nico Hulkenberg (Renault) – 37 punti
13° Daniil Kvyat (Toro Rosso) – 34 punti
14° Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) – 31 punti
15° Lance Stroll (Racing Point) – 21 punti
16° Kevin Magnussen (Haas) – 20 punti
17° Romain Grosjean (Haas) – 8 punti
18° Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) – 4 punti
19° Robert Kubica (Williams) – 1 punto
20° George Russell (Williams) – 0 punti

CLASSIFICA COSTRUTTORI

1° Mercedes – 695 punti
2° Ferrari – 479 punti
3° Red Bull – 366 punti
4° McLaren – 121 punti
5° Renault – 83 punti
6° Racing Point – 65 punti
7° Toro Rosso – 64 punti
8° Alfa Romeo – 35 punti
9° Haas – 28 punti
10° Williams – 1 punto

IL CIRCUITO

ON BOARD LAP

Gustiamoci la pista di Interlagos insieme a Felipe Massa, col giro che nel 2006 gli valse la pole position nella gara di casa.

ALBO D’ORO

Il pilota ad aver ottenuto il maggior numero di successi nella storia del Gran Premio del Brasile è Alain Prost, col francese trionfatore in ben 5 occasioni. Tra i piloti in attività è, invece, Sebastian Vettel il più vincente in terra brasiliana con 3 successi.

PIRELLI

La penultima gara della stagione 2019 si corre questo fine settimana sull’iconico tracciato di Interlagos, dove si sono disputati molti gran premi entrati poi nella storia della Formula 1. Quest’anno, Pirelli ha nominato White hard C1, Yellow medium C2 e Red soft C3: una nomination più dura di uno step rispetto al 2018.
Mario Isola, responsabile F1 e car racing di Pirelli, commenta il Gran Premio del Brasile dal loro punto di vista: “Il Gran Premio del Brasile è quasi sempre estremamente vivace, su un tracciato che favorisce i sorpassi e dove i piloti spesso vanno fuori traiettoria. Le curve si susseguono e di conseguenza i pneumatici lavorano continuamente su una pista “old school” che non perdona gli errori. Il meteo variabile e la probabilità di safety car contribuiscono a rendere la gara spesso imprevedibile. Bisogna essere pronti a tutto: non abbiamo certezza di quali condizioni troveremo in questo fine settimana, ma la nostra decisione di nominare le tre mescole più dure della gamma consentirà ai piloti di spingere al massimo anche se dovessero scegliere, come probabile, una strategia a una sosta.”

IL CIRCUITO DAL PUNTO DI VISTA DEGLI PNEUMATICI

  • Nel 2018 furono scelte medium, soft e supersoft. Nonostante le tre mescole
    scelte quest’anno siano più lente sulla carta, è probabile che vedremo nuovi
    record del tracciato durante il fine settimana, data la continua evoluzione
    delle monoposto attuali.
  • La nomination più dura del 2019 è stata scelta per limitare il degrado e
    consentire ai piloti di spingere al massimo in ogni stint.
  • Il meteo è estremamente variabile a Interlagos: nelle scorse edizioni del Gran
    Premio del Brasile sono state registrate temperature asfalto tra le più elevate
    della stagione, oltre 55°, così come pioggia torrenziale.
  • Il tracciato è stato completamente riasfaltato nel 2014 e quindi ha avuto
    tempo per maturare. Lo scorso anno è stato “lavato” con getti d’acqua ad alta
    pressione. Ora presenta livelli medi di rugosità e non è particolarmente
    impegnativo dal punto di vista dell’asfalto.
  • È il secondo giro più corto della stagione: Interlagos si percorre in senso
    antiorario e presenta 15 curve non troppo lunghe. Di conseguenza, i carichi
    laterali sono piuttosto bassi e il pneumatico anteriore destro è quello
    maggiormente sollecitato.
  • Nel 2018, Lewis Hamilton (Mercedes) ha vinto con una strategia a una sosta
    supersoft-medium. I tre top Team hanno avuto tre diversi approcci tattici, con
    cinque diverse strategie tra i primi sei al traguardo.
    PRESSIONI MINIME ALLA PARTENZA
  • Anteriore: 24,0 psi
  • Posteriore: 19,5 psi
    CAMBER MASSIMO
  • Anteriore: – 3,50°
  • Posteriore: – 2,00°

SET A DISPOSIZIONE PER L’INTERO WEEKEND

ORARI TV

Dopo Austin, le sessioni del Gran Premio del Brasile tornano ad essere
totale esclusiva di SkySportF1, con TV8 che trasmetterà la differita di qualifiche e
gara.

VENERDÌ 15 NOVEMBRE
15.00 – Prove Libere 1 (SkySportF1)
19.00 – Prove Libere 2 (SkySportF1)
SABATO 16 NOVEMBRE
16.00 – Prove Libere 3 (SkySportF1)
19.00 – Qualifiche (SkySportF1)
21.30 – Differita Qualifiche (TV8)
DOMENICA 17 NOVEMBRE
18.10 – Gara (SkySportF1)
21.30 – Differita Gara (TV8)

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: ©

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: