Yamaha Petronas, Morbidelli: “Molto contento del titolo di vice-campione”; Quartararo: “Problemi alla partenza e al braccio”

22 Novembre 2020 - 20:36
|
GP Portogallo 2020

Dichiarazioni e sensazioni dei piloti Petronas Franco e Fabio dopo il finale della stagione MotoGP a Portimao




La Yamaha Petronas chiude a Portimao il motomondiale 2020 con un altro podio per Franco Morbidelli e il suo secondo posto nel mondiale piloti. Il rider italiano è autore di una bella gara nel GP Portogallo MotoGP che lo ha visto battagliare con Miller per tutta la gara. Egli sarà poi superato all’ultimo giro dall’australiano di Ducati Pramac, ma il terzo posto gli basta per diventare vice-campione del mondo della MotoGP 2020.

Chiude malissimo invece la sua annata Fabio Quartararo. Dopo buoni segnali dalle libere e dalle qualifiche, il francese crolla nella seconda parte di gara chiudendo in un’anonima 14a posizione. Non solo, “El Diablo” crolla anche nella classifica piloti, chiudendo il campionato solamente in ottava posizione. Un andamento da incubo nel finale di stagione che deve far riflettere per il prossimo anno nel team Yamaha ufficiale…

Franco Morbidelli: “Mi è piaciuta molto la gara oggi, girare su questa pista è faticoso ma molto divertenti. Abbiamo indovinato la strategia gomme e sono rimasto impressionato dal mio passo. Miguel (Oliveira) era troppo veloce per noi, quindi ho provato a staccarmi dal gruppo ma Jack (Miller) è rimasto con me. Alla fine è riuscito ad attaccarmi e a superarmi, quindi complimenti sia a lui che a Miguel. Sono molto contento di aver finito secondo in campionato: è bello essere il vice-campione del mondo MotoGP. Ovviamente il mio sogno è fare meglio di così, ma mi ricorderò di questa giornata. Grazie mille a tutto il team per avermi aiutato a raggiungere questo risultato. Ora lavorerò per migliorarmi e vedremo cosa ci porterà la prossima stagione”.

Fabio Quartararo: “Abbiamo avuto un problema con il dispositivo holeshot alla partenza così ho perso diverse posizioni. Poi ho avuto un problema alla pressione del braccio ed è strano perché è dall’operazione che non avevo più problemi. Peccato non aver finito l’anno come volevo nell’ultima gara con il mio team, avevo un buon feeling. Potevamo lottare per il quinto-ottavo posto ma quel problema me l’ha impedito. Abbiamo vinto tre gare nel 2020 ma non era abbastanza e questa stagione non è finita come volevamo. Questi due anni passati col team Petronas resteranno per sempre nel mio cuore, mi hanno dato l’opportunità di correre in MotoGP. Grazie a tutti per il supporto, andrò a visitarli quando potrò”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © PETRONAS SRT / Twitter page

Non ci sono commenti