Moto3 | Terzo successo stagionale per Albert Arenas

16 Agosto 2020 - 11:51
|
GP Austria 2020

Nella pioggia delle penalità dell'ultimo giro finiscono sul podio Jaume Masia e John McPhee. Quinta posizione per Celestino Vietti.




È il momento della prima gara del giorno, la Moto3. La categoria più combattiva dell’intero motomondiale è pronta per la quarta gara della stagione 2020. In pole position partirà Raúl Fernández, accompagnato in prima fila dal leader del mondiale Albert Arenas e dallo scozzese John McPhee. Il primo degli italiani è Celestino Vietti, che partirà 5°.

Ottimo scatto di Arenas, che si prende la prima posizione, così come lo start di Vietti, che si porta subito terzo. Il gruppo di testa non collabora, i primi tre si staccano leggermente dopo un solo giro. La “fuga” del trio di testa dura solo un giro perché Vietti&co. chiudono il gap. Il gruppo sembra essersi già scremato leggermente, con il gruppo di testa formato da 9 piloti. In decima posizione c’è Ai Ogura (Honda Team Asia), secondo nel mondiale prima dell’appuntamento austriaco. Sembra essere davvero in forma Deniz Oncu (Red Bull KTM Tech 3), partito decimo ed al sesto giro si prende la testa della corsa. Il solito Darryn Binder (CIP Green Power) si trova già nelle parti alte della classifica, dopo essere partito 22° in griglia. Piccolo problema per Arenas, scivolato in quinta posizione, deve avere a che fare con un Track Limits Warning.

Recupera Vietti, che ha passato qualche giro nel bel mezzo del gruppo, si prende la testa della corsa con un doppio sorpasso su Oncu e Arenas. Sfiora il disastro Binder, che arriva davvero lungo in curva 3, rischiando di fare strike sul pilota SKY Racing Team VR46. Si portano nelle prime posizioni Jaume Masia (Leopard Racing) ed Ayumu Sasaki (Red Bull KTM Tech 3), in un gruppo formato da 17 piloti, chiuso da Sergio Garcia (Estrella Galicia 0,0).

Il migliore degli italiani a cinque giri dalla fine è Tony Arbolino (Rivacold Snipers Team), al momento 6°. Arriva il primo Long Lap Penalty nel gruppo di testa per Amuyu Sasaki, che è nelle primissime posizioni. Il giapponese rientra 22° dopo aver scontato la penalità. A due giri al termine il gruppo per la vittoria è formato da dieci piloti, con il poleman Fernández 10°. Parte l’ultimo giro con Masia in testa, che prende qualche metro di vantaggio su Arenas. Lo spagnolo attacca Masia all’ultima curva.

Albert Arenas vince il Gran Premio d’Austria davanti a Masia e John McPhee, 6° al traguardo ma sul podio dopo le penalità. Quarto, quinto e sesto Ogura, Vietti e Binder, tutti penalizzati per essere andati oltre i limiti della pista all’ultimo giro. Settimo Arbolino, ottavo Oncu. Chiudono la top 10 Fernández e Tatsuki Suzuki (SIC58 Squadra Corse). Undicesimo Gabriel Rodrigo, poi Andrea Migno, Sasaki 13°, Jeremy Alcoba e Stefano Nepa chiudono la zona punti. Conclude 17° Romano Fenati, poi Riccardo Rossi e Niccolò Antonelli. Solo 21° Dennis Foggia dopo la vittoria a Brno

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: ©motogp.com

Non ci sono commenti