Frederik Vesti ringrazia la Safety Car e fa sua Gara 1 a Monza

05 Settembre 2020 - 11:49
|
GP Italia 2020

Il danese torna alla vittoria beffando Pourchaire dopo una neutralizzazione. Piastri rimonta fino al terzo posto e torna in testa al campionato grazie anche allo 0 di Sargeant, tamponato da Novalak. La Prema vince il titolo a squadre, Nannini out




Dopo il caos delle qualifiche di ieri, che ha visto un ribaltone della griglia di partenza per la gara di oggi, la Formula 3 a Monza ha offerto una bellissima Gara 1, ricca di sorpassi e colpi di scena dal primo all’ultimo giro. Vince Frederik Vesti, tornato al successo che gli mancava addirittura dal secondo round al Red Bull Ring, capace di sfruttare a suo favore la Safety Car scesa in pista al 12° giro per un testacoda di Sebastian Fernandez all’Ascari, con lo spagnolo rimasto intrappolato nella ghiaia.

Dopo la neutralizzazione della gara Vesti è stato abile prima a guadagnare subito la seconda posizione, e successivamente è riuscito a passare Theo Pourchaire per la testa della corsa al 20° dei 22 giri in programma, con un attacco deciso alla prima curva prendendo l’interno del pilota francese che nulla ha potuto per rispondere al danese della Prema.

Per Pourchaire si tratta di una vera beffa, visto che nella prima parte di gara ha letteralmente dominato la scena portandosi rapidamente in testa grazie anche ad una super partenza dalla sesta posizione dopo la penalità che gli ha visto privarsi della pole position conquistata ieri in qualifica. Per il francese della ART Grand Prix rimane comunque la soddisfazione di portarsi in terza posizione in campionato con questo secondo posto.

Chiude il podio un ottimo Oscar Piastri, autore di un’incredibile rimonta dalla 15° posizione di partenza che lo portato fino al terzo posto, aiutato anche lui sul finale dall’ingresso in pista della Safety Car. Alla ripartenza Piastri si è dimostrato molto lucido nel corpo a corpo senza ritrovarsi in situazioni potenzialmente dannose. Cosa che purtroppo non è riuscito ad evitare Logan Sargeant, che proprio alla ripartenza dopo la Safety Car è stato tamponato alla Variante della Roggia da Clement Novalak, finendo in testacoda e in fondo al gruppo, collezionando così uno 0 che a tre gare dalla fine può risultare decisivo per il suo campionato che ora non lo vede più in testa proprio a vantaggio di Piastri. Inoltre, con i risultati di oggi la Prema vince il titolo nel Campionato a squadre, bissando il successo dell’anno scorso arrivato proprio a Monza.

David Beckmann chiude in quarta posizione davanti a Jake Hughes e Liam Lawson, partito dalla pole position e protagonista di molte bagarre anche con qualche contatto, tra cui quello con Matteo Nannini dove l’italiano ha la peggio danneggiando la sua sospensione anteriore sinistra cercando un sorpasso molto ambizioso ai danni del neozelandese in curva 1, dovendosi così ritirare al nono giro in una gara per lui molto promettente.

Bent Viscaal torna a punti chiudendo ottavo davanti ad un ottimo Enzo Fittipaldi, nono dopo esser stato rimasto fermo sulla griglia al via e ritrovandosi così in ultima posizione, autore poi dell’ennesima rimonta della sua stagione. Completa la zona punti Mikael Belov, al suo secondo round in Formula 3 e in pole position nella gara di domani. Detto di Nannini, gli altri piloti italiani hanno chiuso nelle retrovie, con Federico Malvestiti e Alessio Deledda rispettivamente in 22° e 23° posizione.

La classifica del campionato vede un altro ribaltone, con Piastri che torna in testa con 160 punti davanti a Sargeant, che con lo 0 di oggi rimane fermo a 152. Pourchaire sale in terza posizione con 124 punti davanti a Beckmann a 123.5, Lawson a 117 e Vesti a 115.5 punti.

© fiaformula3.com/livetiming

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © PREMA / Official Twitter Page

Non ci sono commenti