Xavi Fores torna in Superbike con il Team Puccetti

30 Ottobre 2019 - 16:46
|

Ufficializzato l'accordo tra lo spagnolo ed il team italiano




La perdita del turco Toprak Razgatlioglu non ha colto alla sprovvista il team manager italiano che ha ufficializzato quest’oggi per la stagione 2020 l’ingaggio del talento spagnolo Xavi Fores. L’esperto pilota attualmente impegnato nel British Superbike nel quale ha conquistato quattro podi nella stagione del suo esordio, farà ritorno in Superbike dopo essere stato scaricato proprio al termine della stagione 2017 da Ducati Barni Racing per far posto a Michael Rinaldi.

Entusiasmo nelle parole del Team Principal Manuel Puccetti, convinto di poter ripetere gli ottimi risultati conseguiti in questa stagione anche con lo spagnolo: “Siamo molto contenti che Xavi entri a far parte della nostra squadra nella prossima stagione. È un pilota esperto e veloce in tutte le condizioni, come ha già dimostrato molte volte in passato. Credo che ci siano tutti gli ingredienti giusti per un’altra grande stagione in Superbike e siamo tutti desiderosi di iniziare.”

Contento di rientrare nel paddock che lo ha ospitato per tanti anni Xavi Fores. Ecco le sue parole: “Sono davvero felice di unirmi al WorldSBK con il Kawasaki Puccetti Racing Team per la prossima stagione. Manuel e Kawasaki hanno creato una squadra molto forte nelle ultime stagioni ed è stato molto facile trovare un accordo con loro. La moto è molto competitiva e penso che possa adattarsi molto bene al mio stile di guida e quindi ha voluto chiudere in fretta le trattative con Manuel. Non vedo l’ora di salire sulla moto per iniziare a lavorare sodo e prepararmi per la prossima stagione, in modo da farci trovare pronti ed in perfetta forma per il promo round in Australia. Voglio ringraziare Kawasaki Europe per il loro grande sforzo ed il loro sostegno, e voglio anche ringraziare Manuel per la fiducia che ha riposto in me”.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © WorldSBK

Non ci sono commenti