Delusione Yamaha ufficiale: Rossi: “Un vero peccato, volevo vincere”. Viñales: “Troppo lenti in rettilineo”

27 Settembre 2020 - 20:36
|
GP Catalunya 2020

Le parole deluse dei piloti Yamaha Monster, al termine di Gran Premio da dimenticare: il pesarese era sul podio quando è caduto a 9 giri dal termine, mentre Top Gun ha rimediato un 9° posto dopo una partenza disastrosa




Una gara da dimenticare in fretta per la Yamaha al Montmelò. Mentre il team clienti ha trionfato con Fabio Quartararo, sia Rossi che Viñales erano attesi ad una domenica da protagonisti ma lo sono stati in negativo. L’italiano per una scivolata è stato costretto al ritiro, mentre lo spagnolo, autore di una pessima partenza, è rimasto per tutta la gara in mezzo al gruppo.

Un grande rammarico per Valentino Rossi, mai così competitivo quest’anno come in questo weekend catalano. Il Dottore, mentre era all’inseguimento del leader Quartararo, a 9 giri dalla fine è scivolato in curva 2: questa seconda caduta di fila pesa come un macigno per l’occasione persa e per la classifica iridata, non intaccando eccessivamente un morale alto dato dalla grande competitività mostrato nell’arco del weekend.

VR46 spiega così il suo errore ed il momento della sua stagione: “È un vero peccato, due errori di fila. Questa è stata una caduta molto diversa da quella della scorsa settimana. A Misano abbiamo fatto qualcosa di diverso sulla moto e tecnicamente non ero molto forte. Non mi sentivo molto bene, e anche sabato e domenica non ero io al 100%. Questo weekend è stato molto diverso, perché ero sempre competitivo. Mi sentivo bene sulla moto, ho guidato bene e ho anche migliorato sessione dopo sessione. Questo va molto bene. Oggi ero al limite, perché ero dietro a Fabio e non volevo perdere molto, volevo stare con lui. A sinistra è sempre pericoloso, soprattutto con la temperatura bassa, e ho perso l’anteriore. È un vero peccato perché penso che avrei potuto lottare per la vittoria e di sicuro per il podio, quello era il nostro obiettivo. Quest’anno la mia velocità non è male, ma per quanto riguarda i risultati devo fare meglio Abbiamo ancora tante gare fino alla fine della stagione, quindi il nostro obiettivo è di essere di nuovo competitivi partendo da Le Mans, lavorare bene in garage con la squadra e cerca di rimanere al vertice”.

Molto deluso anche Maverick Viñales, il quale non ha proprio preso parte alla contesa per la vittoria, ristretta esclusivamente ai suoi compagni di marca. Dopo una brutta partenza, Top Gun si è ritrovato in 15° posizione e dopo un difficile tentativo di rimonta ha tagliato il traguardo al nono posto.

Tuttavia lo spagnolo non recrimina per la partenza quanto per la qualifica di ieri e della velocità di punta della sua M1, tallone d’Achille che gli ha impedito di risalire velocemente la china: “Non ci sono stati problemi alla partenza, l’unico punto debole è la nostra velocità massima. Non sono riuscito a superare nessuno, specialmente nei primi quindici o sedici giri. Quindi stavo solo girando. Sono davvero deluso perché se non parti dalla prima o dalla seconda casella, hai grossi problemi. Non potevo fare nulla e stavo solo perdendo posizioni. Vedremo a Le Mans. Questo risultato, dopo aver vinto la scorsa settimana, è difficile da digerire. Il campionato potrebbe andare in qualsiasi modo. Questo fine settimana abbiamo commesso un errore in qualifica e ne abbiamo pagato il prezzo.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © yamaha-racing.com

Non ci sono commenti