Moto2: finalmente Marini! Vittoria davanti a Binder e Lecuona

06 Ottobre 2019 - 8:30
|
GP Thailandia 2019

Il "Maro" vince davanti alle due KTM di Binder e Lecuona. Quinto Marquez.




Dopo l’emozionante gara della Moto3 è tempo della gara della classe di mezzo, la Moto2. La pole position se l’è guadagnata Alex Marquez, davanti a Nagashima e Jorge Martin, su KTM. Alex Marquez ha ben 38 punti di vantaggio su Jorge Navarro, il pilota Speed Up parte dalla ventunesima casella in griglia.

Sin dalle prime battute di gara Luca Marini (Sky Racing Team VR46) ha preso il largo, dimostrando di avere un passo decisamente superiore rispetto ai suoi inseguitori. Battaglia divertentissima per le due posizioni rimanenti del podio tra Iker Lecuona, Brad Binder, Alex Marquez ed Augusto Fernandez. Poi le due KTM sono riuscite a scappare dai due alfieri Kalex, prendendo così un piccolo margine che li ha pemesso di combattere per il podio.

Proprio Luca Marini vince il GP di Thailandia, davanti a Brad Binder ed Iker Lecuona chiude sul terzo gradino del podio. Quarto è Augusto Fernandez davanti al leader del mondiale Alex Marquez. Sesta posizione per Jorge Martin, ottima gara del campione del Mondo in carica della Moto3. Settima posizione per Thom Luthi, davanti al miglior rookie Nicolò Bulega. Nono è Chantra, miglior risultato di carriera per il pilota di casa, chiude la top ten un superlativo Marco Bezzechi. Chiudono la zona punti Enea Bastianini, poi Gardner, Locatelli, Schrotter e Nagashima. Gara opaca delle due Speed Up, in difficoltà già dal venerdì, chiudono fuori dai punti con Navarro 17° e Di Giannantonio al 18° posto.

Alex Marquez rimane in vetta del Mondiale nonostante abbia finito dietro a Binder e Fernandez, è proprio lo spagnolo che scalza Jorge Navarro in classifica generale, così come il sudafricano della KTM. Luca Marini soprassa Lorenzo Baldassarri in classifica, diventando così il miglior italiano.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone

Immagine in evidenza: ©motogp.com

Non ci sono commenti