Renault vince la protesta contro Racing Point. Penalità in punti per il team

07 Agosto 2020 - 11:16
|
GP 70° Anniversario




La diatriba che interessa Racing Point da inizio stagione e Renault dal Gran Premio di Stiria, la quale ha avanzato le proteste nella gara di Spielberg, quella dell’Hungaroring e la prima di Silverstone. Il motivo delle proteste, ormai conosciutissimo, è legato all’ipotetica copiatura da parte di Racing Point della W10 di casa Mercedes, utilizzata la passata stagione.

La Federazione Internazionale dell’Automobile ha dato ragione al costruttore francese, dopo aver analizzato il sistema frenante del team di Silverstone. La decisione della FIA è stata quella di penalizzare le due vetture rosa di Pérez e Stroll nelle prime due gare e quella del canadese nella corsa della settimana scorsa.

In cosa consiste questa penalità? 15 punti tolti dalla classifica costruttori per Racing Point, la quale scende da 42 a quota 27, lasciando la quinta posizione proprio alla Renault. I punti sono 7.5 per pilota ai quali si aggiungono 200.000 euro di multa per aver utilizzato le due vetture irregolari nel corso dei suddetti Gran Premi.

La FIA rende noto che più che violazione del regolamento tecnico, la penalità è legata all’infrazione del regolamento sportivo. Conclude affermando che il soggetto che ha realizzato il sistema frenante della Racing Point RP20 non è il team di Silverstone, ma Mercedes.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © Racing Point F1 Team

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: