Nathanael Berthon in pole alla Race of Belgium. I primi tre in 41 millesimi. Male Hyundai

12 Settembre 2020 - 15:09
|




Nathanael Berthon beffa tutti e con il tempo di 1:35.486 prende la pole position della Race of Belgium, il primo round stagionale della terza stagione del FIA WTCR. A sorpresa e senza segnare il miglior tempo in nessuno dei tre settori, il francese dell’Audi ha regolato Yann Ehrlacher di 31 millesimi. Il secondo transalpino, che ha registrato il miglio tempo assoluto nel T1 e nel T2, ha perso la sua pole nel T3. A sua volta era riuscito a mettere alle sue spalle l’esordiente Gilles Magnus con l’altra Audi per soli 10 millesimi.

Più staccate le due Lynk&Co con Santiago Urrutia quarto a quattro decimi dalla pole e Yvan Muller quinto a quasi sei decimi. Il quattro volte campione ha perso tutto il suo tempo per un errore in curva 1, in cui è finito sulla sabbia. L’uruguaiano esordiente, invece, nonostante una sbavatura in curva 2 è stato molto veloce nei primi due settori, salvo poi perdere tutto nell’ultimo, molto letto e poco adatto alle vetture cino-svedesi.

Solo 12 millesimi non hanno permesso a Nathanael Berthon di strappare la Q3 a Tom Coronel che dovrà accontentarsi della sesta posizione in Gara 2 e della quinta in Gara 1. Ad essere escluso per poco anche Attila Tassi, a mezzo decimo dal francese e Ther Bjork con l’ultima delle Lynk&Co per giusto un decimo. Tutti compressi nella sessione intermedia dato che Vernay, con la prima delle Alfa Romeo Giulietta del Team Mulsanne, ha registrato il nono tempo a soli 72 millesimi da Bjork e a 54 millesimi dal decimo di Girolami. L’argentino della Honda, che ha preceduto il suo compagno di squadra connazionale, partirà in pole position per Gara 1. Solo 12° il campione in carica Norbert Michelisz.

A decretare la seconda metà della griglia di partenza è stato il Q1 che come da tradizione permette solo ai primi dodici il passaggio alla fase successiva. Il primo degli eliminati è stato O’Keeffe con la prima delle Renault, il quale paga solo un decimo e poco più da Nestor Girolami, ultimo dei qualificati. Quindi le tre Hyundai i30 di Engstler, Catsburg e Tarquini che partiranno 14°, 15° e 16°. Non bene anche altri nomi importanti quali quello di Monteiro (Honda) solo 18°, seguito dall’esordiente Luca Filippi (Alfa Romeo) 19° e la Cupra di Mikel Azcona che scatterà ventunesima posizione, ovvero in ultima fila.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © Photo Frédéric Le Floc’h / DPPI

Non ci sono commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: