Fastback | GP Ungheria 2004: la Ferrari sale sul tetto del mondo

15 Agosto 2014 - 10:00
|




Il Gran Premio d’Ungheria è il tredicesimo appuntamento del mondiale Formula 1 2004. La Ferrari, autentica dominatrice della stagione, arriva a Budapest con la possibilità di aggiudicarsi il mondiale costruttori già con cinque gare d’anticipo, senza contare che la lotta mondiale è ormai ristretta ai soli Michael Schumacher, Rubens Barrichello e Jenson Button. Il Gran Premio d’Ungheria, inoltre, potrebbe mettere fuori dai giochi anche Button, visto che l’inglese accusa un ritardo davvero grande nei confronti del duo ferrarista.

Il giovedì viene segnato da due importanti modifiche attuate da Toyota e Williams: la prima decide di appiedare Cristiano da Matta, mettendo al suo posto Riccardo Zonta, mentre la scuderia di Frank Williams decide di abbandonare il muso a tricheco progettato da Antonia Terzi, sostituendolo con uno muso a disegno tradizionale.

In qualifica, come da previsione, la Ferrari monopolizza l’intera prima fila, con Michael Schumacher davanti a Rubens Barrichello. Seconda fila per le due BAR di Takuma Sato e Jenson Button, seguite da Fernando Alonso, Antonio Pizzonia, Juan Pablo Montoya e Giancarlo Fisichella. Completano la Top 10 Jarno Trulli e Kimi Raikkonen.

Da notare l’ultima posizione di Felipe Massa, con il brasiliano che non riesce a far segnare un giro cronometrato. Con questa classifica la Ferrari sarebbe matematicamente campione del mondo Costruttori.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA / © Scuderia Ferrari Media Centre

Al via scattano bene le due Ferrari, con Schumacher che mantiene la leadership nei confronti di Barrichello.  Il pilota brasiliano, nonostante una buona partenza di Fernando Alonso, si accoda al proprio team mate, proteggendogli le spalle. Quarta piazza per Juan Pablo Montoya, seguito da Jenson Button, Jarno Trulli, Kimi Raikkonen e Takuma Sato, quest’ultimo autore di una partenza poco felice. Il finlandese della Mclaren, qualche giro più tardi, accuserà un problema al motore che lo costringerà al ritiro. La gara procede senza grandi colpi di scena, con Schumacher e Barrichello in testa alla gara con un passo nettamente superiore a tutti.

A circa metà corsa, infatti, Michael Schumacher può vantare un vantaggio di circa quaranta secondi su Alonso e di cinquanta su Montoya. Non accade praticamente nulla fino al quarantaduesimo passaggio, quando Trulli è costretto a fermarsi per un problema di natura meccanica. Michael Schumacher ottiene la dodicesima vittoria stagionale davanti a Rubens Barrichello, Fernando Alonso, Juan Pablo Montoya, Jenson Button, Takuma Sato, Antonio Pizzonia e Giancarlo Fisichella. La Ferrari è quindi matematicamente Campione del Mondo Costruttori per la sesta volta consecutiva e con ben cinque gare di anticipo. Inoltre, a causa del suo quinto posto, Button esce definitivamente dalla lotta per il titolo piloti, adesso ristretta ai soli Schumacher e Barrichello. Il tedesco conquisterà il titolo piloti nel successivo appuntamento del Belgio.

CLASSIFICA GP UNGHERIA 2004

11 Michael SCHUMACHERFerrari 1h 35’26″131  
22 Rubens BARRICHELLO  Ferrari +4″696  
38 Fernando ALONSORenault +44″599  
43 Juan Pablo MONTOYAWilliams BMW +1’02″613  
59 Jenson BUTTONBAR Honda +1’07″469  
610 Takuma SATOBAR Honda +1 giro  
74 Antonio PIZZONIAWilliams BMW +1 giro  
811 Giancarlo FISICHELLASauber Petronas  +1 giro  
95 David COULTHARDMcLaren Mercedes +1 giro  
1014 Mark WEBBERJaguar Cosworth +1 giro  
1117 Olivier PANISToyota +1 giro  
1218 Nick HEIDFELDJordan Cosworth +2 giri  
1315 Christian KLIENJaguar Cosworth +2 giri  
1420 Gianmaria BRUNIMinardi Cosworth +4 giri  
1521 Zsolt BAUMGARTNERMinardi Cosworth +5 giri  
Rit19 Giorgio PantanoJordan Cosworth Cambio  
Rit7 Jarno TrulliRenault Motore  
Rit16 Ricardo ZontaToyota Impianto elettrico  
Rit12 Felipe MassaSauber Petronas Freni  
Rit6 Kimi RäikkönenMcLaren Mercedes Motore 

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © Scuderia Ferrari Media Centre

Non ci sono commenti