Morbidelli davanti nelle FP3 di Aragon, apprensione per Quartararo

17 Ottobre 2020 - 12:13
|
GP Aragona 2020

Attimi di tensione per il leader del mondiale che viene portato in barella dopo una brutta caduta in curva 14, tutte le Ducati in Q1




Il sabato della MotoGP ad Aragon inizia con una notizia clamorosa e potenzialmente importante per il mondiale. Fabio Quartararo infatti è stato vittima di una brutta caduta in curva 14 con la sua Yamaha che con un highside disarciona il pilota francese. Egli sente subito dolori alla spalla e alla gamba e viene portato via in barella fino al centro medico, dove farà un check-up. La speranza per Yamaha e per il team Petronas è che non sia niente di serio per ‘El Diablo’, perchè un infortunio a questo punto della stagione potrebbe compromettergli seriamente le chance di lotta iridata.

Per la cronaca della FP3, a fare il miglior tempo è stato il compagno Petronas Franco Morbidelli con un 1:47.859. Un ottimo tempo per l’italo-brasiliano, che però non scalza Maverick Vinales dal primo posto della combinata (1:47.771). Terzo nella combinata Fabio Quartararo che nonostante la caduta va al Q2 (in attesa di novità), poi ci sono Cal Crutchlow e Pol Espargaro in seconda e terza posizione di FP3.

Dentro anche Joan Mir, Alex Marquez, Takaaki Nakagami, Alex Rins e l’Aprilia di un ottimo Aleix Espargaro. A sorpresa, non c’è nessuna Ducati dentro il Q2: Dovizioso cade mentre Bagnaia e Miller si fanno annullare i loro giri (infrazione bandiere gialle). Anche Petrucci, Zarco e Rabat non sono al passo dei loro avversari su Yamaha, Suzuki e Honda. Una gran delusione per la casa di Borgo Panigale, che sin dall’inizio del week-end sta faticando con le gomme Michelin. I piloti Ducati saranno quindi costretti ad affrontare il Q1 con Oliveira, Binder, Lecuona, Bradl e Smith.

UPDATE: QUARTARARO E’ STATO DICHIARATO ‘FIT’ DAL CENTRO MEDICO E POTRA’ CONTINUARE IL WEEK-END DEL GP ARAGON

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © motogp.com

Non ci sono commenti