UFFICIALE – HWA Racelab sbarcherà in Formula 2 nel 2020

16 Ottobre 2019 - 15:10
|

Il costruttore tedesco prenderà il posto della BWT Arden esattamente come successo quest'anno in Formula 3




La griglia di partenza della Formula 2 per il 2020 vedrà un importante cambiamento per quanto riguarda i team iscritti. Dopo una lunga partecipazione in questo campionato, sia con la denominazione GP2 Series e con l’attuale nome Formula 2, la Arden non sarà presente al via della prossima stagione.

E’ stato annunciato oggi che il posto della squadra inglese verrà preso dalla HWA Racelab, che nel 2020 aumenterà il suo impegno nelle Feeder Series volte alla Formula 1 con l’ingresso in Formula 2 dopo l’approdo nella nuova Formula 3, sempre prendendo il posto della Arden. Nella stagione di Formula 3 appena conclusa la HWA Racelab ha schierato Jake Hughes, Bent Viscaal e Keyvan Andres Soori chiudendo al quinto posto nella classifica riservata alle squadre con 100 punti totalizzati anche grazie alle prestazioni di Hughes, che è salito tre volte sul podio con la vittoria in Austria come apice della stagione.

Jake Hughes con HWA Racelab in Formula 3 (© HWA AG / Official Facebook Page)

HWA Racelab è reduce dalla positiva esperienza maturata nell’ultima stagione di Formula E, riuscendo a cogliere il podio a Roma con la terza posizione conquistata da Stoffel Vandoorne e chiudendo il campionato al nono posto della classifica costruttori con 44 punti prima di lasciare il posto alla casa madre Mercedes, pronta a fare il proprio debutto ufficiale in Formula E nella imminente Season 6. “Non vediamo l’ora di affrontare questa sfida in un’altra serie di Formula per i giovani piloti”, ha affermato Ulrich Fritz, CEO di HWA AG. “Oltre al nostro coinvolgimento nel campionato FIA Formula 3, siamo ora rappresentati anche al livello successivo della piramide dei campionati FIA, garantendo uno sviluppo continuo di giovani talenti del motorsport. È anche un’ulteriore prova dell’esperienza a 360° nel settore automobilistico di HWA. Dalla promozione dei giovani piloti e della Formula E al DTM e GT, ora copriamo uno spettro incredibilmente ampio”.

Alle parole di Fritz si aggiungono quelle di Bruno Michel, CEO di Formula 2 che accoglie la casa tedesca nel suo campionato: “Prima di tutto, vorrei ringraziare Gary Horner e tutti quelli di Arden International per il loro coinvolgimento e duro lavoro nel corso degli anni. Sono stati con noi sin dall’inizio. Auguro loro molti successi nei loro prossimi sforzi. Vorrei dare il benvenuto a HWA RACELAB in Formula 2. Sono una forza da non sottovalutare nel motorsport e sono convinto che si adatteranno rapidamente al nostro campionato”.

Dall’altra faccia della medaglia c’è da segnalare l’addio in via ufficiale della Arden dalla Formula 2 dopo una lunga militanza in questa serie. Come detto all’inizio, la Arden è presente in questo campionato sin dalla sua nascita avvenuta nel 2005, con Heikki Kovalainen capace di arrivare al secondo posto in campionato alle spalle del Campione Nico Rosberg nella stagione d’esordio dell’allora GP2 Series. Nel corso degli anni tantissimi piloti sono passati sotto l’ala della scuderia inglese, tra cui Bruno Senna, Sebastien Buemi, Sergio Perez e Jolyon Palmer, che successivamente sono arrivati in Formula 1. Nel 2012 Luis Razia chiude al secondo posto il campionato di GP2 dopo un avvincente duello con Davide Valsecchi, che andrà poi a vincere il titolo. Dall’anno scorso il team ha preso la denominazione BWT Arden dalla partnership con lo sponsor BWT e da allora ha ottenuto tre vittorie in Formula 2, tutte arrivate nelle Sprint Race: nel 2018 Maximilian Gunther ha vinto a Silverstone, mentre quest’anno a Montecarlo e Le Castellet era stato il compianto Anthoine Hubert a trionfare. “Arden ha gareggiato con successo nel primo campionato propedeutico alla F1 per oltre 20 anni e ora abbiamo deciso di fare un passo indietro dalla categoria per esplorare altre strade”, ha affermato Garry Horner, CEO di Arden e Team Principal, “Abbiamo apprezzato molto il nostro tempo nei campionati GP2 e F2 e, ad un certo punto in futuro, potremmo prendere in considerazione il ritorno in griglia. Mai dire mai…”

Iscriviti al nostro Canale Telegram per ricevere tutti i nostri articoli sul tuo smartphone



Immagine in evidenza: © HWA AG / Official Facebook Page

Non ci sono commenti